24 giu 2014

Talk About Me - Il Giornale di Roberto Bandini


Dal blog di Roberto Baldini - Il Giornale di Roberto B... per scoprire qualcosa in più su "Emily" e The braid, intervista e recensione di Roberto Baldini Scrittore.

Roberto dirti grazie è poco!


E.H. ♥



Intervista A Emily Hunter, Autrice Del Libro The braid (La treccia) 
Cari Amici, oggi il nostro salotto letterario avrà il piacere di ospitare la bravissima
Emily Hunter. Autrice di un libro che potrebbe provocarvi qualche colpo di calore improvviso...
Un libro erotico? Pagine hard che vi faranno scoppiare il cuore?
Nulla di tutto ciò, semplicemente una storia d'amore senza inibizioni.
Sentimento e passione che si mescoleranno, dando vita a una storia romantica e travolgente, senza volgarità gratuite o scene da film di bassa lega.
Semplicemente l'Amore nella sua forma più vera... Basta ciance, lascio la parola alla dolcissima Emily... 
Ciao Emily! Grazie per il tempo che mi dedichi.
Grazie a te Roberto, è un piacere immenso essere qui con te. 
Piacere, mio, Emily ;)
Innanzitutto parlaci un po’ di te, raccontaci qualcosa…

Forse questa è la cosa più difficile da raccontare...
44 anni, toscana, vivo tra le verdi colline della Maremma e mi lascio ammaliare dal fascino della scrittura.Cosa non semplice già di per sé, ancora più difficile per una dislessica e disgrafica come me. Per passione e per gli studi fatti farei la scultrice, ma spesso le passioni le dobbiamo mettere in un angolo per dare spazio alla realtà.
Quando posso, tra famiglia e lavoro, mi ritaglio un piccolo spazio tutto mio e lo dedico alla scrittura. Tra racconti brevi e la stesura del mio secondo romanzo il tempo è sempre poco, ma lo scorrere delle parole rende entusiasmante quegli attimi.
 
1) Una presentazione chiara e concisa.
Emily Hunter… uno pseudonimo?

Sì, perché dentro tutti di noi c'è un "cacciatore di libri".
Le parole sono le nostre prede, ne seguiamo le tracce fino a perderci nel loro fascino. Le facciamo nostre cercando di dominarle per il nostro piacere ma, in fondo, siamo noi a essere schiavi della loro "dominazione dal basso".
Emily Hunter, un omaggio al personaggio principale di questo mio primo romanzo e per tutta quella parte della mia vita che è in queste righe.

2) Hai ragione, le parole escono da noi perché le abbiamo già dentro.
Aria, acqua, terra e fuoco. Quale elemento vorresti essere?

L’aria… cosa c’è di più bello delle parole che ti sussurra il vento?  
3) Cos'è, mi leggi nel pensiero?
Ascolti musica mentre scrivi? Se sì, che genere?

Senza la musica mi sarebbe impossibile anche dormire. Scrivere con il sottofondo musicale giusto stimola la fantasia. Sinceramente non ho un genere "preferito", spazio dalla musica classica all'hard rock, passando per il pop e il blues o il jazz. Insomma tutta la musica immaginabile, basta che non sia quella della sveglia.
In "The Braid", la musica è presente fin dalle prime battute.
Tutto parte dalla prima frase del libro “Ricorda cosa ti dicono all'inizio di una storia d'amore, perché è così che finirà!”che si collega a una canzone di Lily Allen, per poi finire con le parole di I Was Made for Lovin' You dei Kiss.
 
4) Ti capisco perfettamente!
Quanto c’è di te nella protagonista del libro? Come nasce un tuo personaggio? Scrivere può essere terapeutico?

Emily è parte di me, come lo sono tutti i miei personaggi.
È terapeutica qualsiasi forma d'espressione che ci da la possibilità di creare qualcosa dal nulla, che sia una scultura, un quadro o un racconto. Scrivere mi ha aiutato a comprendere e in certi casi superare certe vicende della mia vita. Difficilmente saprei scrivere di cose che non conosco o non ho vissuto.
 
5) The braid la treccia… cosa significa per te il titolo del tuo libro?          
Emily ha trovato la sua difesa nella sua treccia: nessuno potrà mai scioglierle quei lunghi capelli biondi, poiché nessuno le riesce a sciogliere il cuore.
Emily ha deciso: amare le persone a modo suo, usando il sesso.
Sesso, passione ma non amore.
Si mostra nuda ma non scioglie mai la treccia, unica irrinunciabile quanto realmente intima protezione contro ciò che può veramente ferirla.
Forse la treccia si scioglierà, liberando definitivamente i suoi capelli... e il suo cuore?


6) Glielo auguro di vero cuore...
Perché hai scelto di fare la scrittrice?

Potrei fare la sfacciata e dire che sono le parole che hanno scelto me, ma è troppo stucchevole come affermazione.
Diciamo che per me è un modo per esprimere quello che ho dentro, un po’ come facevo quando scolpivo. Questo libro é nato tanti anni fa, tra un cambiamento e l'altro della mia vita.
Per anni è rimasto chiuso negli scatoloni di vari traslochi fino a quando due estati fa è sbucato fuori e mi sono decisa a finirlo, forse per chiudere una fase della mia vita per poi aprirne una nuova.
 
7) Siano ringraziati i traslochi!
Il sesso può essere una medicina?

Sicuramente sì! Tutto dipende da come sono gestiti i sentimenti… fare sesso è fare “ginnastica”, fare l'amore è donarsi l’uno all’altra completamente.
Certe volte scindere il sesso dall’amore è una cosa quasi impensabile, ma non è impossibile. Nel momento in cui ci riesci, hai la possibilità di dare il meglio di te, in entrambi i casi.
 
8) Un punto di vista intrigante...
L’amore vince sempre?

L’amore è una lotta continua, e non sempre vince. Lotti per trovarlo, e lotti per non perderlo… se non lotti non hai nulla per le mani perché è il momento in cui dai per scontato quello che altri anelano per una vita.

9) Come si fa a entrare nel cuore della gente?
Se sei un “libro aperto”tutti potranno leggerti per tenerti nei loro cuori. 
10) Risposta meravigliosa.
Regalare emozioni alla gente: come hai scoperto questo tuo magnifico dono?

Non lo so, e stento ancora a credere di riuscire a emozionare i lettori… sono solo me stessa, niente di più. (Non è poco, fidati... NdR)
Giocare con le parole per fare effetto non fa per me, forse emoziono perché io per prima “mi emoziono” nello scrivere.
Scrivere un testo erotico non è semplice, puoi cadere in un attimo nella volgarità e questo porterebbe i lettori a perdersi quella meravigliosa sensazione che è il desiderio.
È una bellissima sensazione riuscire a emozionare anche solo con un piccolo accenno di una scena sensuale così da far nascere nel lettore la scintilla della fantasia, al punto tale che riesce a immedesimarsi nei personaggi sentendo sulla propria pelle ogni singola vibrazione della passione.
 
11) E tu ci riesci benissimo, credimi.
Immagina di trasformare il tuo libro in un film: che attori sceglieresti? E che regista?

Preferirei attori non famosi… mi piace pensare a persone comuni così da far riconoscere nei personaggi gli spettatori, visto che non devono rimanere in mente i volti ma solo le emozioni. Lasse Hallström, il bravissimo regista che mi ha fatto vivere sulla pelle la storia di Chocolat. 
12) Concordo sulla tua scelta. E adoro Chocolat...
Social network. Maledizione o fonte di opportunità?

Senza dubbio fonte di opportunità… il web ti mette a un passo dal resto del mondo.
Sta a te riuscire a sfruttarne tutte le potenzialità.
 
13) Un libro che ti evoca bei ricordi? E uno che vorresti dimenticare?
Non potrei mai dimenticare nemmeno il libro più noiso che ho letto, perché comunque mi ha dato delle emozioni anche se negative. Titolo? I Malavoglia di Verga.
I testi che più mi evocano bei ricordi sono tutte le opere di William Shakespeare, perché li collego a un’altra mia passione: il teatro.
 
14) Dove si può acquistare il tuo libro?
Il mio libro The braid (La treccia) è edito da Damster edizioni, in concorso per l’EROXÈ CONTEXT 2014. CONCORSO PER IL MIGLIOR ROMANZO EROTICO INEDITO, è disponibile in formato ebook su Amazon (goo.gl/XMyK4O) e su tanti altri store online. 
Benissimo, ti auguro di vincere!
Ciao Emily, grazie per il tuo tempo!

Via spetto sul mio blog: www.emilyhunterbooks.com

 E grazie a voi, Amici, che aumentate giorno dopo giorno. Siete la nostra treccia sciolta!


Recensione di the Braid Di Emily Hunter

Una treccia che significa tutto... Una treccia per chiudere il cuore...
Emily è una donna forte, una donna sicura di sé. Ha una casa, una carriera, amici che sono pronti a gettarsi nel fuoco, per lei. E aveva l’amore…
Un amore che risale agli anni della spensieratezza, una spensieratezza fuggita insieme a quel sentimento che non vuole più tornare. Una spensieratezza chiusa con un nodo, il nodo della sua treccia…
Emily è desiderata, addirittura ambita. Oltre a essere bella sa affascinare con un solo sguardo, una sua parola è capace di ribaltare il cuore dei suoi corteggiatori.
Paul, l’ex marito sepolto nel passato.
Alex, socio e amante che la vuole tutta per sé, senza donarle nemmeno un briciolo di se stesso.
Eric, amico di vecchia data e ideale medicina per scacciare i cattivi pensieri.
Tanto sesso, niente amore. E forse va bene così, Emily si spoglia di tutto ma non scioglie mai la treccia, ultima sua difesa per non soccombere…
Un giorno, però, Connor giunge nella sua vita. Un amore clandestino, una storia di sesso che appaga entrambi.
Un’alchimia perfetta, due persone che si donano corpo senz’anima, un patto che va bene a entrambi. Ma fino a quando?
Emily Hunter, passione e sensualità. Se state cercando un romanzo sadomaso, con scene di sesso gratuite intervallate da stupidi dialoghi e forzature assurde, avete sbagliato libro.
Qui si parla di sensualità, sesso senza pudore ma con cuori che battono sempre insieme ai gesti dei protagonisti. Non cercate il brivido di sbirciare dalla serratura, pretendete una passione sana e incontrollabile, sentimenti che usciranno dalle pagine e s’insidieranno nei vostri cuori.
Un libro che voleva sembrare come gli altri, un libro che è diventato qualcosa di unico. 

Roberto Baldini - 24/06/14